WARHOL’S “ARTCASH”

Da EF Arte trovate anche le famose banconote “ARTCHASH” di Andy Warhol. Curiosa la storia della creazione di queste opere da parte del re della Pop Art.
Era il dicembre del 1971, quando Warhol fu invitato ad una festa di beneficenza presso la AUTOMATION HOUSE di New York, una organizzazione no profit che aveva lo scopo di unire arte e tecnologia in progetti divulgativi, fondata da alcuni ingegneri insieme agli artisti Robert Rauschenberg e Robert Whitman. Wharol decise così di contribuire alla raccolta fondi stampando la sua valuta. Andy Warhol fece stampare queste banconote dalla American Banknote Company, la stessa che stampava i veri dollari degli Stati Uniti (ma senza il filo anticontraffazione del governo). Ad ogni invitato venne recapitato un invito tramite posta che diceva: – “ARTCASH” ti verrà inviato con i biglietti d’ingresso, per l’importo della tua donazione, per iniziare la tua ricerca di fama, gloria e divertimento. (…) Puoi accumulare ARTCASH, usarlo alla festa di beneficenza o scambiarlo con arte e altri premi. La raccolta è a beneficio del Community Television Center e the Artist’s Television Project at Automation House. ” Oltre a quelli di Andy Warhol, ” l’invito del 1971 dichiara: “cinque artisti hanno progettato la valuta esclusivamente per questa festa: Robert Whitman $ 3, Robert Rauschenberg $ 12, Tom Gormley $ 24, Red Grooms $ 51 e Marisol $ 88”. I biglietti per l’evento erano $ 25 a persona, quindi un biglietto poteva fruttare due Rauschenberg ($ 12 ciascuno) e un Warhol ($ 1) o un Gormley ($ 24) e un Warhol ($ 1).
L ‘”Artcash” di Warhol è la valuta stessa dell’arte e anche del collezionismo.
Più che un semplice segno della ciò che Warhol probabilmente amava di più, le banconote ei simboli del dollaro che sono stati anche l’oggetto di molta della sua arte. L’essenza del Pop, i simboli di Warhol, continuano ad arrivare al pubblico in tutto il mondo. Prenotate gli “Artchash” prima che se ne vadano. Raro e solo da EF Arte.